gelosia

L’invidia nasce negli occhi di chi guarda il mondo per possederlo

L’invidia contiene in sé la propria pena. Tra i vizi capitali è il sentimento che avvelena la mente, il cuore, lo spirito di chi la prova.

Avrai sicuramente sentito almeno una volta nella tua vita posarsi su di te lo sguardo invidioso dell’altro.

Vediamo insieme di capire qualcosa in più di questo stato d’animo tanto doloroso quanto malvagio.

gelosia
Invidia

L’invidia è un’esplosione di cattivi sentimenti

L’invidia è una fame che ti consuma l’anima. L’invidioso si compiace per il male altrui e si consuma masticando cattive parole per ciò che invidia.

Dante Alighieri pone gli invidiosi nel Purgatorio, Canto XIII della Divina Commedia.

Il poeta si commuove vedendo le loro anime, ombre lacere con indosso una ruvida veste, gli occhi cuciti da fil di ferro, appoggiate alla parete di una montagna si sostengono tra loro, piangendo e gemendo, sull’orlo del burrone.

“Savia non fui, avvegna che Sapia fossi chiamata e fu de li altrui danni lieta assai che di ventura mia”

Sapia spiega a Dante e Virgilio di essere appartenente alla famiglia senese Salvani e di aver pregato Dio per la sconfitta dei suoi stessi concittadini e quando avvenne ne fu così lieta da credersi superiore a Dio stesso.

L’invidioso ride sin che il riso non lo strozza

Soffermati e guarda negli occhi l’invidioso non sa nascondere la propria invidia. Il suo sguardo è bieco, le sue parole sono accondiscendenti, sibilline, ti sorride di quel sorriso freddo fatto a denti scoperti che non allieta il cuore, anzi lo fa rabbrividire.

Lo ammetto, ne godo quando vedo l’invidia serpeggiare negli occhi di alcune persone, accompagnata da gesti maldestri quanto inutili che vorrebbero nasconderla.

All’inizio mi domandavo il perché di tanta invidia e cattiveria ma oggi che vedo come l’invidia ha ridotto la loro vita non posso che provare infinita pietà per chi l’inferno lo sta vivendo, qui, ora.

Forse è per questo che Dante pone gli invidiosi nel purgatorio. In realtà in questa vita hanno già sofferto le pene infernali.

Bruciano i castelli nella nebbia

“Quando l’invidioso non può avere un certo oggetto tutto per sé, non vuole che ce l’abbia nessun altro” – Tiffany Watt Smith – Atlante delle emozioni umane

Che sia una persona o una cosa, l’oggetto desiderato spasmodicamente diventa un’ossessione e quando finalmente l’invidioso entra anch’egli in possesso dell’oggetto avidamente desiderato si sente soddisfatto sino a quando un nuovo tormento non l’assale.

L’invidioso percorre il sentiero dell’esistenza come un miserabile che potrebbe realizzare ciò che desidera ma che spreca i suoi giorni, le sue risorse nella sofferenza e nella speranza che agli altri capitino le peggior cose, senza accorgersi di come, giorno dopo giorno, i fasti della giovinezza svaniscano, così come i soldi e i sogni di gloria e si ritrova lì, solo, a riflettere su quanto l’esistenza sia stata ingiusta nei suoi confronti.

Peccato aver sprecato un’occasione preziosa per crescere interiormente. Sarà per la prossima vita!

Grazie se vorrai condividere questo articolo sull’invidia e se mi lascerai un tuo commento. Puoi continuare a seguirmi sul mio canale YouTube.

1 Condivisioni

Articoli simili

2 Commenti

  1. È incredibile, quanto i sentimenti umani siano contrastanti fra loro e ci facciano fare tanti errori. E noi, senza mai fermarci a riflettere sui nostri stati d’animo assumiamo comportamenti che possono ferire sia gli altri che noi stessi, portandoci dietro fardelli pesantissimi e tormenti che non sappiamo abbandonare, rendendoci cattivi gli uni con gli altri e impedendo ai sentimenti più nobili di primeggiare…… Forse quell’esame di coscienza che ci veniva insegnato al catechismo da piccoli dovrebbe davvero essere riproposto con grande attualità! Forse potremmo riuscire a tirar fuori il meglio da noi stessi…… È incredibile, quanto i sentimenti umani siano contrastanti fra loro e ci facciano fare tanti errori. E noi, senza mai fermarci a riflettere sui nostri stati d’animo assumiamo comportamenti che possono ferire sia gli altri che noi stessi, portandoci dietro fardelli pesantissimi e tormenti che non sappiamo abbandonare, rendendoci cattivi gli uni con gli altri e impedendo ai sentimenti più nobili di primeggiare…… Forse quell’esame di coscienza che ci veniva insegnato al catechismo da piccoli dovrebbe davvero essere riproposto con grande attualità! Forse potremmo riuscire a tirar fuori il meglio da noi stessi……

    1. Ciao Lucia grazie per la tua riflessione. Il mio amore profondo per la meditazione nasce proprio da questo spazio di silenzio che mi regalo quotidianamente per stare in compagnia di me stessa e ad occhi chiusi osservo i miei pensieri, le mie emozione, facendo spazio e mettendo distanza per comprendere ogni giorno meglio chi sono e cosa voglio diventare.
      La meditazione, proprio come l’esame di coscienza ci permettono di divenire sempre più consapevoli ed autentici rimanendo saldi un un modo che cambia velocissimo. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *